BAGGI

Temperatura

MISURA DELLA TEMPERATURA A DISTANZA O A CONTATTO DI LIQUIDI, GAS, POLVERI E SOLIDI CON:
  • STRUMENTI DI MISURA STAZIONARI / PORTATILI E CERTIFICATI EX
  • SENSORI AD INSERZIONE, NON INVASIVI O IN LINEA
  • TECNOLOGIE IN GRADO DI RISOLVERE OGNI APPLICAZIONE

TUTTI GLI STRUMENTI DISPONIBILI
INFRAROSSI SELETTIVI
In generale i termometri senza contatto trovano applicazione per la misura di oggetti in movimento, oggetti inaccessibili (per esempio sotto vuoto), materiali con poca conducibilità termica, materiali con bassa capacità calorifica ed oggetti ad alta temperatura. I limiti di impiego sono in funzione del tipo di tecnica di misura impiegata.
  • Bicolore:
    Principio di funzionamento: è la misura d'intensità dei raggi infrarossi emessi dall'oggetto entro due diverse bande spettrali specifiche.
    vantaggi: viene ridotta l'influenza della variazione del fattore di emissione di alcune sostanze, specialmente metalliche. Offrono maggiore precisione e stabilità della misura e minor sensibilità a disturbi di vario genere.
    alcune applicazioni: metalli, oggetti non facilmente visibili a causa di ambienti polverosi o in presenza di gas, oggetti di piccole dimensioni.

  • Fibra Ottica
    p: è la misura d'intensità dei raggi infrarossi emessi dall'oggetto attraverso una fibra ottica.
    v: si ottiene un'immunità ai disturbi, una resistenza maggiore ad alte temperature, vibrazioni e urti, una ridotta dimensione della testa di misura.
    a: metalli liquidi, in campi di colaggio, laminatoi, installazioni per la ricottura e tempramento, fornaci per scorie, automazione di riscaldatori a induzione, produzione di candele per motori diesel e a benzina.

  • Mappatori Termici, Termovisione
    p: è il rilievo della distribuzione termica sulle superfici eseguito con linee di multisensori o con telecamere a raggi infrarossi.
    v: si può rilevare la distribuzione termica in più punti contemporaneamente.
    a: individuazione di difetti o malfunzionamenti in termoformatura, energia elettrica, laboratorio, sicurezza.

  • Monocromatici selettivi:
    p: è la misura d'intensità dei raggi infrarossi emessi dall'oggetto entro una banda spettrale specifica.
    s: alta velocità di risposta, ampio campo-scala, alta durata, manutenzione assente, buone precisioni e ottima ripetibilità per alcune applicazioni.
    a: plastica, termoformatura, alimentare, asfalti, vetro, ceramiche, tessuti, carte, legni, oggetti dietro finestre di vetro o quarzo, vetro liquido a diverse profondità.

  • Quadricolore
    p: è la misura d'intensità dei raggi infrarossi emessi dall'oggetto entro 4 bande spettrali specifiche.
    v: viene eliminata l'influenza della variazione del fattore di emissione di qualsiasi sostanza, specialmente il metallo. Ottima precisione e stabilità della misura e minor sensibilità a disturbi di vario genere anche in condizioni molto difficili.
    a: alluminio, superfici speculari, lucide e riflettenti, vetro a diverse profondità in contemporanea, adatto per qualsiasi materiale.
TERMOMETRI A CONTATTO
  • Data Logger Coibentati
    p: è la memorizzazione dei dati effettuata in prossimità delle sonde nella fase di misura, con un sistema elettronico autoalimentato protetto contro alte e basse temperature, vuoto, pressioni, urti e certificato per zone pericolose.
    v: si possono rilevare i profili termici all'interno di forni a tunnel o autoclavi, senza cavi di collegamento con l'esterno, rilevazione perdite e rendimenti in reti di distribuzione.
    a: industria alimentare per controllo cottura e pastorizzazione, farmaceutica per controllo sterilizzazioni, siderurgica per brame d'acciaio e processi termici, ceramico, semiconduttori, verniciature, reti di distribuzione acqua e gas.

  • Termocoppie
    p: è la generazione di tensione generata dall'unione di due metalli o leghe.
    v: veloce tempo di risposta, buona precisione, riproducibilità ed ampio campo di temperatura, disponibili in protezioni di qualsiasi forma e materiale.
    a: rilevamento in materiali soffici, alimenti, in liquidi e gas anche corrosivi, masse fuse, superfici metalliche e plastiche, misure con strumenti portatili, processi industriali in genere dove sia possibile il contatto o l' immersione.

  • Termoresistenze al Platino
    p: è la variazione del valore resistivo di un elemento al platino.
    v: ottima precisione, riproducibilità ed un buon campo di temperatura, disponibili in protezioni di diversa forma e materiale.
    a: industria in genere, laboratori di taratura, processi non veloci.